Sagra "...non solo Cotta Cotta"

La zuppa di trippa bovina, detta Còtta Còtta, è una pietanza locale di antichissime origini. Le testimonianze più recenti risalgono agli anni ’30 del secolo scorso quando la signora Filomena detta “a Còtta Còtt” acquistava la trippa bovina a poco prezzo e la cucinava in casa facendola bollire in abbondante acqua per circa due ore, aggiungendovi poi sedano, carote, cipolla e pomodoro. La zuppa dal profumo inconfondibile, avvertito anche a grande distanza, veniva tenuta in caldo in un grosso calderone su di una fornacella a carboni posto all’ingresso del cortile in cui abitava, al tempo detto Curtigl i Capp’ll’r (attuale Cortile Ettore De Pazzis). Era qui che la donna vendeva la Còtta Còtta, attirando i passanti con la frase mén mén che è còtta còtt” ed invitandoli ad acquistare nu cuppin  d còtta còtt p mèzza ligr e duij cuppin  p na ligr (un mestolo per mezza lira e due mestoli per una lira)cheserviva ijnd a nu caccavèll (in una ciotola) portato da casa. La vendita aumentava durante il periodo estivo e particolarmente in occasione della Fiera di San Lorenzo, il 10 agosto, quando il paese si popolava di mietitori e venditori di bestiame. Approfittando dell’occasione Filomena allestiva, all’interno del cortile di casa sua, una lunga tavolata per consentire ai suoi clienti di consumare comodamente la “Còtta Còtta”.  Fu sua figlia Maria Lucia, conosciuta meglio come Marietta “a Còtta Còtt” a continuare l’attività materna fino a quando negli anni ’60, emigrò a Milano. Nel 1990 la Pro Loco, per non perdere questa importante tradizione culinaria, riprese l’antica ricetta e ne fece la “Sagra della Còtta Còtta”, ridenominata di recente nella sagra “…non solo Cotta Cotta” proponendo nel percorso enogastronomico altri piatti tipici della tradizione locale.

Quest'anno l'evento verrà proposto sabato 19 agosto. Vi aspettiamo in tanti.




Background Photo by Arch. Antonio Stefano Cibelli - Developed by FrankITo - Copyright 2017 - Pro Loco Troia